fbpx

• blog

Cointreau celebra i 25 anni del Breakfast Martini insieme al suo creatore Salvatore “The Maestro” Calabrese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Due brunch esclusivi con la partecipazione di un’icona mondiale della mixology hanno avuto luogo a Roma e Milano a inizio mese.

 

Il Breakfast Martini compie 25 anni, e Cointreau decide di celebrarlo in Italia con due brunch esclusivi e la partecipazione del suo inventore, Salvatore “The Maestro” Calabrese, che nel 1996 creò a Londra questo inimitabile cocktail, nel periodo in cui era il bar manager al The Library Bar del Lanesborough Hotel.

“Uno dei nostri più grandi sogni,” dichiara Calabrese da dietro il bancone ”è immortalizzarsi con un cocktail di cui, tra cent’anni, ne parleranno ancora. E io credo, spero, che il mio Breakfast Martini sia in quella categoria”.

Nella preparazione, alla base di gin, si aggiungono (ovviamente) Cointreau, succo di limone fresco e un cucchiaino di marmellata d’arancia: la semplicità e la grande eleganza di questo cocktail sono i due elementi che hanno contribuito a renderlo un’icona della miscelazione moderna.

Mentre si appresta a preparare il suo drink per farlo assaggiare ai fortunati presenti, ci racconta di come gli è venuta l’idea per il drink: “La mattina io, solitamente, bevo solo una tazza di caffè, non mi serve altro. Un giorno, però, quando mi sentivo particolarmente stanco, mia moglie mi portò un toast con della marmellata d’arancia, costringendomi a mangiarla (ride, ndr). Mi colpì la dolcezza e l’amaro della marmellata. Lo stesso giorno, portai con me il barattolo al lavoro, e cominciai a sperimentare.”

 

Il primo brunch si è tenuto a Roma il 6 novembre negli spazi di Drink Kong, il cocktail bar della Capitale che nel giro di due anni dalla sua apertura ha scalato rapidamente la prestigiosa classifica internazionale dei 50 Best Bars, piazzandosi al 45° posto; il secondo evento – a Milano – è stato ospitato da Ceresio7 e si è svolto il giorno successivo, domenica 7 novembre.

 

La storia di Cointreau inizia a Parigi al culmine della Belle Epoque, più precisamente nel 1849, quando Adolph Cointreau decide di diversificare il business di famiglia per fondare un’azienda di produzione e imbottigliamento di liquori che da subito si focalizza sull’arancia come ingrediente intorno a cui sperimentare. Qualche anno dopo – nel 1885 –  il nipote Edouard riesce finalmente a creare ciò che aveva in mente: un liquore cristallino ed estremamente bilanciato, con un gusto decisamente unico, frutto della miscela tra scorze d’arancia fresche e secche, dolci e amare.

Nasce così il liquore Cointreau come lo conosciamo oggi, il cui gusto inconfondibile è garantito dalle eccellenti particolarità organolettiche delle migliori arance selezionate in Brasile, Ghana, Senegal e Tunisia.

Oltre che nel Breakfast Martini, Cointreau è presente in oltre 350 ricette di cocktail classici e rappresenta un prodotto ideale per la miscelazione perché –  grazie alle sue caratteristiche uniche – riesce ad esaltare gli altri ingredienti e a donare naturale equilibrio ai cocktail in cui viene utilizzato.

Cointreau è stata onorata di avere il Maestro in Italia per questa doverosa celebrazione, che in entrambi gli eventi ha visto anche la partecipazione di Patrick Pistolesi, fondatore di Drink Kong, amico e allievo di Salvatore.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Altri Post di Mt Magazine