fbpx

• blog

Four Seasons Firenze, un’esperienza impeccabile dalla mixology alle proposte food!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Di ritorno dal Bar Tour con Luigi de Michele e Laura Carello, non si può fare a meno di soffermarsi sull’esperienza vissuta all’Atrium Bar del Four Season Hotel di Firenze: una piccola e magica parentesi in una location più unica che rara.

L’esperienza ha inizio appena varcata la soglia d’ingresso. L’eleganza e la cura nei dettagli risaltano subito all’occhio. Entrando nella struttura ci ritroviamo nella hall dell’hotel, caratterizzata da luce naturale e soffitti alti, ma soprattutto da ornamenti architettonici sulle pareti, dove la riproduzione de “Il Bacco” di Michelangelo Buonarroti regna sovrana al centro della sala.

Proseguendo verso l’Atrium Bar, circondati da opere d’arte, abbiamo il piacere di conoscere Antonello Palermo, giovane bartender e i suoi colleghi. Ci accomodiamo all’esterno, dove possiamo godere della veduta dell’incantevole giardino, curato alla perfezione. La nuova drink list è presentata dallo chef de rang Dimitri Mascagni che, dal caratteristico accento toscano e con un grande senso dello humor, ci elenca professionalmente le nuove proposte di stagione.

Tra Negroni, Old fashioned e qualcosa da stuzzicare, abbiamo il piacere di parlare con il bar manager Tommaso Ondeggia, che ci mostra con estrema ospitalità la struttura: dalla piscina esterna alle splendide camere da letto. Per il secondo giro di cocktail Antonello ci sorprende con la preparazione di un eccellente Blue Blazer per riscaldare questa fresca serata di inizio giugno. Infine, per concludere, Tommaso decide di viziarci ancora un po’ facendoci assaporare dei buonissimi dessert.

Peculiare l’estrema professionalità, ma soprattutto l’atmosfera ospitale e ricercata che dona quella sensazione di pace e accoglienza fuori dal comune.

 

 

Beatrice Giglio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Altri Post di Mt Magazine