fbpx

Lucio d’Orsi e Dry Martini Sorrento, la terrazza iconica del brand firmato Javier de las Muelas

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lucio d’Orsi, classe 1979, è un professionista a tutto tondo del mondo dell’ospitalità, anima del Majestic Palace Hotel di Sorrento, di cui ricopre il ruolo di General Manager. La sua grande passione per la cucina e la ristorazione gioca un ruolo importante per l’apertura, nel 2014, del Don Geppi restaurant, una stella michelin nonché ristorante più piccolo d’Italia con soli cinque tavoli. Ma non è tutto. Nel 2018 aggiunge un ulteriore importante traguardo alla sua carriera: con il supporto di Javier de las Muelas e di Giulia Rossano, proprietaria del Majestic Palace Hotel, porta in Italia l’universo Dry Martini.

Dry Martini Sorrento

Il 30 maggio di quest’anno, Dry Martini Sorrento ha festeggiato il suo quinto compleanno. Quinta location al mondo del brand creato da Javier de las Muelas, bartender e trend setter di fama internazionale, il Dry Martini Sorrento è un po’ atipico rispetto ai suoi “fratelli”, in quanto si configura come l’unico a essere costituito da una doppia location – la Dry Martini Sorrento Terrace e la Dry Martini Sorrento Main Hall –  ad avere due counter (il contatore con il quale si tiene traccia del numero di Martini che viene servito) e a presentare una location tutta bianca, a differenza dei colori più scuri, color legno, che caratterizzano quelle delle altre location.

Il Dry Martini Terrace, annualmente aperto al pubblico da metà maggio, non si può definire bar, ma vero tempio della mixology. Con una selezione esclusiva di più di 200 cocktail, e una carta speciale interamente dedicata all’iconico cocktail Martini, con 100 declinazioni differenti di Dry Martini, la terrazza offre un’esperienza che va oltre la miscelazione. Qui è necessario prendersi il proprio tempo per scegliere il cocktail, immergersi in una sorta di rituale, godendosi nel frattempo il soggiorno in una location dall’aria sobria ed elegante, con una vista superlativa sul Golfo di Napoli e il mare sorrentino.

Drink list 

La drink list del Dry Martini Sorrento è forse uno dei menù più estesi e variegati d’Italia, suddivisa in diverse categorie: Classic Cocktail, Segnature Cocktail, Vintage & Trendys, Excentrics, Dry&Tonic, Frappè, Mojito, Fresh Fruits Martinis, Analcolici e Negroni Collection. Senza dimenticare la carta che ospita più di cento declinazioni del Dry Martini. “Il must rimane il cocktail Martini, anche se non è il best seller, considerando che in cinque anni abbiamo servito più di 5000 Martini.”

Ospiti e Masterclass

Quest’anno il Dry Martini Sorrento ha inaugurato una stagione di collaborazioni interessanti, che si traducono in ospiti e masterclass di ampio respiro. Il primo giugno, per esempio, è stato organizzato il primo evento con ospite Eddie Rudzinsks, founder di Cocktail For You, una delle community di riferimento per i cocktail, il quale ha tenuto una masterclass su marketing e social media legati al mondo beverage e a uno dei suoi attori principali: il bartender. A breve saranno presenti alcuni Top Players lungo il corso della stagione.

“Nei primi due anni del Dry Martini Sorrento ci siamo concentrati sulla nostra attività, con l’obiettivo di consolidarne l’identità e il brand a livello nazionale e internazionale.  Finalmente quest’anno abbiamo potuto organizzare un ciclo di guest e di masterclass dal grande profilo formativo. Spaziamo dalla degustazione degli spirits, ad approfondimenti sui prodotti e ingredienti” spiega Lucio d’Orsi. Per quanto riguarda le guest “il nostro obiettivo è quello di dare la possibilità ai nostri clienti di conoscere ed entrare in contatto con la cultura e la tradizione originaria dei bartender e delle personalità che ospitiamo, attraverso la loro idea di miscelazione e i suoi sapori. Per noi è importante che il pubblico si accorga in prima persona di quanto il mondo sia pieno di ricchezza e di bellezza” afferma Lucio d’Orsi.

Majestic Palace Hotel

Il Majestic è come una scatola magica costruita nel 1967, e al cui interno si trovano differenti “gioielli”: il Don Geppi Restaurant, una stella michelin, il Geppolino, nuovo bistrot a bordo piscina, ovviamente il Dry Martini nelle sue due location nella Terrazza e nella Main Hall. Dietro l’hotel si nasconde un agrumeto di oltre 10.000 mq che ospita un ulivo millenario, e altri ulivi e agrumi secolari. Parte integrante del giardino sono i 2000 mq di orto: è qui che chef e bartender vengono ad attingere dagli ortaggi alle erbe aromatiche per i piatti e i cocktail. Insomma, il Majestic Palace Hotel è un hotel di lusso, giunto alla terza generazione, dalle mille sfaccettature, di anno in anno proiettato all’espansione e al miglioramento continuo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Altri Post di Mt Magazine